Raccordo? D’accordo!

Domenica afosa. Il programma mi piace: andare in giro per borgate e scattare qualche foto. Fa caldo, ma non è certo questo il mio problema.

Quando arrivi ti lascio scampanare al cancello, nonostante abbia già sentito il tipico rumore del tuo diesel, avvicinarsi al cancello. E poi sorrido, dentro e fuori. Mentre ci abbracciamo mi chiedi scherzando: “che fai, mi baci sulle guance?”. The freddo? Gelato? Vada per il gelato. Lo prendiamo a casa, o facciamo due passi? La tua proposta arriva e non capisco se giochi o fai sul serio: “lo prendiamo a Roma”. In ogni caso mi piace, voglio stare al gioco, se di gioco si tratta. Entro in casa per prendere il necessario, saluto mamma e ti trovo seduto sugli scalini. “Promettimi una cosa”, mi dici con aria seria, “che se ti senti male me lo dici subito e torniamo indietro”. Non ti preoccupare…quando mi prende il panico SI VEDE! Però mi piace, mi infondi fiducia. Partiamo, aria condizionata fin dai primi metri di strada.

Sto bene, sono felice, sono con te e sono curioso. Voglio vedere come scatti, voglio intuire cosa pensi, come ti muovi mentre concepisci una foto. E voglio viverti lontano da casa, lontano dalle mie “sicurezze”. Non facciamo molta strada, e alla prospettiva che ci sia, davanti a noi, un bel pezzo di strada privo di vie d’uscita scatta l’ansia anticipatoria e ti faccio tornare indietro. Io però non voglio tornare indietro. Questa volta ci voglio provare a costo di dover vivere qualche minuto di panico, a costo di mostrarmi così come vorrei che nessuno mi vedesse mai.

Inizia un giro enorme, mi prendi in giro, ma mi piace e mi tocchi nei punti giusti, stimolando la mia voglia di sfidare questa paura. Alla fine raggiungiamo Frascati, gelato da Milletti, un’occhiata ai cartelloni del cinema, l’idea di tornare in serata.

Si riparte. Stavolta non si torna indietro, Michele! Anzi, fra le due possibilità scelgo quella che SO che mi genera più ansia. Si va verso la Casilina, anche se non so se ci arriveremo. Quando ci avviciniamo al Grande Raccordo Anulare e all’autostrada l’ansia aumenta. Siamo fermi ad un semaforo, probabilmente con la mano mi sfioro il petto, come se volessi controllare la frequenza dei miei battiti cardiaci. Preferisco non dire nulla, voglio aspettare che la paura diventi insopportabile, prima di farti perdere tempo e di vivere un’altra sconfitta.

Proseguiamo…e ancora per un po’, stranamente, niente panico. Mi guardo attorno, un po’ spaesato…ma al contempo felice, curioso. Conosco quelle zone, ma so anche che mi ci perdo facilmente. Ad un certo punto imbocchiamo una strada che non mi piace, che già altre volte m’aveva causato sensazioni spiacevoli. Ti chiedo di fermarti ma è peggio. Andiamo avanti, nella speranza di trovare quanto prima un’uscita da cui fare dietro-front. Mi accartoccio su me stesso, divento scorbutico, parlo poco…e tu sempre delizioso. Santa pazienza!

URRAH! La possibilità di invertire la marcia! La cogliamo al volo e ci ritroviamo in una desolata stazione riarsa dal sole. Torna la calma. Ce la posso fare. Cominciamo ad allontanarci dalla macchina con l’intento di fare qualche scatto nei paraggi. Penso al tempo che ti sto facendo perdere e all’occasione che mi stai regalando. Giriamo, scattiamo, mi sento bene. Torniamo alla macchina e sono felicissimo. Ho fatto un passo piccolissimo, ma quando siamo partiti da casa, non pensavo di riuscirci sul serio. Pensiamo di fare inversione di marcia, rispetto alla strada imboccata precedentemente…e invece…cacchio, dove siamo finiti? Di nuovo attimo ti ansia. Non è ancora panico. lo so com’è il panico…tutta un’altra cosa! Ad un certo punto mi fai scegliere: o ci infiliamo sul GRA (che non faccio da anni, neanche con mia madre) o proviamo a tornare verso la tuscolana, ma senza sapere bene come. In quel momento la scelta è veloce. Non penso nemmeno al mio stradario, non mi interessa prenderlo. “Raccordo Anulare”. Mi piace come soluzione. So che mi spaventerà, ma so che è una strada che conosci bene e nella quale è impossibile perdersi. Mi preparo a sopportare l’impatto.

Invece no.

Invece sono tranquillo…il raccordo scorre, e non mi interessa trovare una via d’uscita. Mi piace come guidi, mi sento bene, mi sento libero. Faccio gesti o facce strane, probabilmente mi si inumidiscono un po’ gli occhi. Premuroso, mi chiedi se sto bene e io, sorpreso  di me stesso ti rispondo di si, e intanto mi guardo intorno e penso “sono sul raccordo…sono dul raccordo!”.

Ed è davvero bello. Ed è bello viverlo con te.

Annunci

4 Risposte to “Raccordo? D’accordo!”

  1. Paolo Says:

    Cazzarola

  2. MadMark Says:

    Mi si sono quasi cariati i denti…. eheheheheh 😉

  3. Paolo Says:

    Questo è il primo elemento che mi è rimasto qui, e che voglio mettere in chiaro. Ci rimasi male, molto male, quando lessi di questa tua crescita. Seppur contento (all’epoca, oggi di te non me ne importa nulla, voglio solo vendicarmi delle cattiverie che ho subito da te e dal tuo clan di amichetti piccolo borghesi), mi aspettai, inutilmente, che tu di questa cosa me ne parlassi di persona. Sarebbe stato un modo per farmi capire che eravamo amici, invece l’ho letta sul web come uno qualunque. Eppure, non ero uno qualunque quando hai cominciato il tuo percorso terapeutico, anzi se avessi l’onestà intellettuale e la saldezza dello spirito necessaria, ammetteresti che ho avuto un ruolo in questa cosa. Invece mi hai tenuto all’oscuro, quando evidentemente ne hai parlato con tutti, e questo è stato il primo segnale chiaro su di te: sei un bambino, anzi un adolescente piccolo ed egoista, incapace di avere un rapporto di amicizia sincero e profonda. Ti facevo comodo quando stavi al lago, solo e dimenticato, poi quando hai trovato qualcuno più conveniente, mi hai buttato nel dimenticatoio.
    Ma andiamo avanti, ci sono altre cose da commentare in questo mio infantile, questo sì, sfogo. Perchè io posso consentirmi, da uomo adulto, di essere anche infantile con un bimbetto moccioso come te.

  4. MadMark Says:

    una valida dimostrazione di maturità, in effetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: